Category Archives: Costruttori Spazio

Eads cambia nome… in Airbus?

A350-1000_RR_AIRBUS_V02_300dpi-1_thumb.jpgLa riorganizzazione di Eads potrebbe anche vedere il gruppo aerospaziale europeo cambiare il suo nome in Airbus.  “Ci saranno alcuni grandi annunci, più a che fare con la struttura e la redditività “, afferma il gulf times.
Molti investitori si sono opposti alla fusione con l’inglese BAE Systems. Dopo che l’affare saltò, le azioni della società sono salite.

Airbus costituisce i due terzi delle entrate di Eads e le entrate del costruttore aeronautico sono ancora in rapida crescita.

Tra le opzioni prese in considerazione per lo sviluppo dell’azienda vi è una maggiore sovrapposizione tra la difesa del gruppo e le attività spaziali, grazie anche alla presenza nel gruppo di aziende come Cassadian e Astrium.

“Ci sono importanti sinergie tra Elettronica di CASSIDIAN e attività di difesa e dei satelliti militari di Astrium, e la loro integrazione avrebbe senso “, ha detto l’analista Christophe Menard a Kepler Cheuvreux. 

Tutto pronto per il primo volo di Vega, lanciatore made in Italy

Il nuovo lanciatore spaziale Vega sta per compiere il suo primo volo commerciale: partirà il 3 maggio 2013 dallo spazio-porto dell’ESA di Kourou, nella Guyana francese, e porterà in orbita 3 satelliti destinati all’osservazione della terra e alla ricerca scientifica. Vega sorvolerà 30 Paesi e compirà un’orbita in senso contrario al moto terrestre.

Finmeccanica: ecco le nuove nomine

finmeccanica.gifIl consiglio di amministrazione di Finmeccanica ha designato Daniele Romiti come CEO (Chief Executive Officer) di AgustaWestland al posto di Bruno Spagnolini.

Nomine anche per Telespazio (AD Luigi Pasquali) e Wass (AD Alessandro Franzoni). La notizia la si apprende da un comunicato del gruppo. Le proposte di nomina verranno sottoposte ora alla deliberazione dei competenti cda delle società controllate interessate.

EADS–BAE: salta il matrimonio del decennio

EADS_DS_Old_Logo[1]

Il matrimonio tra Eads e Bae System è ufficialmente saltato.

Alla base del fallimento i diversi punti di vista tra Airbus e BAE, completamente discordanti in alcuni punti. Il sogno di creare un gruppo mondiale in grado di contrastare Boeing fallisce. Poteva essere il numero uno mondiale con oltre 70 miliardi di euro di fatturato e 220 mila dipendenti.

Non sono dello stesso avviso le borse europee. Parigi ha festeggiato premiando Eads con un rialzo del 5,1%. Bae ha perso oltre l’1% alla Borsa di Londra.

Per il numero uno di Bae, Ian King “è apparso chiaro che gli interessi delle parti governative non possono essere conciliati gli uni agli altri o con gli obiettivi che Bae Systems e Eads si sono posti per la fusione”.

Ma di chi è la colpa?

Lo scorso settembre Parigi e Berlino avevano promesso di arrivare rapidamente a una posizione comune.

Londra però ha cercato di convincere i partner a ridurre la quota nel capitale per mantenere le relazioni di Bae con il Pentagono. Ma ne’ Parigi, ne’ Berlino erano disposti ad accontentarsi che dava il potere di veto all’entrata di soci ritenuti ostili.

Neutrale Finmeccanica che, nonostante la notizia positiva per la multinazionale italiana, cede in borsa lo 0.77% portandosi a 4.13 € per azione.

Bae: la quiete dopo la tempesta?

Gran Bretagna, Francia e Germania hanno ripreso i colloqui per evitare disaccordi sulla struttura azionaria che nascerà dalla fusione tra EADS e BAE Systems .

Philip Hammond, segretario britannico alla Difesa, ha affermato che i francesi devono accettare una "considerevole riduzione" della partecipazione nel gruppo che nascerà dalla fusione, una quota che dovrà essere alla pari di quella "a singola cifra" che avranno i grandi investitori istituzionali.

La cosa sicura, secondo Hammond, è che difficilmente si riuscirà a rispettare la scadenza di mercoledì prossimo.

"Se riescono a risolvere la questione centrale dei possessi azionari, poi ci sarà più tempo per stringere su altre cose come il quartier generale, il peso nei consigli e altre questioni", dice un diplomatico che segue le trattative. In caso contrario il 10 ottobre Enders e King “hanno già segnalato che staccheranno la spina”.

Bae–EADS: la nuova società si chiamerà Airbus?

Secondo alcune voci la nuova società da 38 miliardi di dollari frutto della fusione dei due colossi (Eads e  Bae Systems) si potrebbe chiamare proprio Airbus.

Il gruppo inglese (BAE) si oppone alla proposta affermando che tale nome non sarebbe ben visto negli Stati Uniti, dove Airbus è visto come lo storico rivale di Boeing nel settore aeronautico.

Per Eads invece il nome Airbus darebbe enfasi al gruppo.

Nel frattempo vi sono problemi ben maggiori della scelta del nome. Secondo Andrew Hill, giornalista del Financial Times, bisognerà fare attenzione che la fedeltà alle bandiere potrebbe ostacolare l´integrazione aziendale.

Geoffrey Owen, ex editorialista del quotidiano e Senior Fellow del dipartimento Management della London School of Economics, ha consigliato invece di non considerare solo l´aspetto politico della fusione perché Bae dovrebbe invece spiegare le motivazioni economico-finanziarie del deal con Eads.

Negli ultimi dodici anni il gruppo inglese si è focalizzato più sulla difesa militare che sul settore aerospaziale civile, trasformandosi in una società essenzialmente di difesa, con il 40% delle vendite verso gli Usa.

Via: Formiche.net

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi