Category Archives: Droni

AT & T: i droni saranno la vera rivoluzione nel mondo delle infrastrutture

drone-in-air-02-100672071-large.idge[1]

AT & T prevede di risparmiare denaro utilizzando droni invece di lavoratori per ispezionare le oltre 65.000 torri di trasmissione dei dati mobili.

Il fornitore di servizi vuole finanziare piloti e aziende in tutti i 50 stati per ispezionare le torri. Queste torri, alte spesso più di 30 metri e con componenti a volte fuori dalla portata dei lavoratori che salgono per ispezionarle, richiedono perfezionamenti costanti e attenzioni.

I droni per il ramo civile?

“Con 65.000 siti, tali esigenze sono costanti. Prevediamo un sacco di opportunità per droni”, ha detto Art Pregler, direttore del programma per AT & T. AT & T ha annunciato il programma a febbraio e ha offerto maggiori dettagli la settimana scorsa in un blog, anche se Pregler ha fornito ulteriori dettagli in una intervista.

“Ora che i droni stanno passando dal militare al lato commerciale, vedremo il loro impiego sempre maggiore in ambito civile”, ha detto Pregler. “Attualmente, i lavoratori si arrampicano alle torri, e nel corso del tempo vediamo ispezioni drone statunitense risparmio di denaro.”

Il mondo dei droni ha un nuovo leader: è arrivato il Phantom 4

Phantom 4

Più intelligente, più veloce, più forte! Questo è quanto promette il Phantom 4, ultima meraviglia di casa DJI.

Il drone entry level della casa mette in mostra una nuova tecnologia: evita gli ostacoli. Grazie a due telecamere che permettono di individuare oggetti e misurare la loro distanza, il Phantom 4 può volare intorno agli ostacoli, mantere la traiettoria originale, o trovare un percorso alternativo.

Naturalmente questo funziona solo se si sta volando in avanti, quindi è ancora necessario fare attenzione quando si vola all’indietro.

Una  funzione interessante è il “TapFly.” Come suggerisce il nome, toccando una posizione sul monitor, il Phantom 4 volerà su di esso, evitando gli ostacoli lungo la strada. Idee simili esistono in applicazioni di terze parti, ma ora il Phantom le ha inglobate. La fotocamera con nuove ottiche ha immagini nitide e brillanti.

L’era della macchina volante è arrivata… grazie ai droni!

ehang-184-aav-passenger-drone-23[1]

L’era del trasporto delle persone con fantasmagoriche macchine volanti non arriverà mai? Dovete e dobbiamo ricrederci tutti! La startup cinese Ehang ha utilizzato la tecnologia dei droni per costruire un aereo per trasportare un passeggero per oltre 40 km in totale sicurezza.

Il drone trasporta persone

EHang 184 AAV è un drone ottocottero per trasportare una sola persona per 23 minuti a circa 100 km/h.

Per decenni la gente ha sognato di avere una auto volante. Alcune aziende ci hanno investito parecchio, come la Terrafugia Transition o skycar, ma al momento nessuna ha davvero sfondato veramente, forse per gli alti costi di gestione, forse per gli eccessivi limiti imposti dalle normative.

“EH184 offre una soluzione praticabile per le numerose sfide del settore dei trasporti”, ha detto il CEO dell’azienda Huazhi Hu in un comunicato. Anche se è inizialmente rivolto ai pendolari, “EHang avrà un impatto globale in decine di industrie al di là di viaggio personale“.

E per le normative?

Prima che possa accadere, le ambizioni di EHang dovranno fare i conti con vincoli normativi vigenti e sarà molto difficile poter vendere questo prodotto senza avere una sorta di certificato di aeronavigabilità, seppur sperimentale.

EHang ha detto che sta lavorando con i governi di tutto il mondo e che sarà necessaria la licenza senza pilota per utilizzare il mezzo. I passeggeri voleranno toccando una destinazione su una mappa elettronica all’interno del velivolo, e il 184 farà tutto il resto.

A causa di queste questioni normative, non è ancora chiaro quando il velivolo sarà in vendita. Il prezzo è anche incerto, ma la società spera di poter vendere la macchina ad un prezzo concorrenziale con una auto di lusso.

I Droni…. in una vignetta di Bruno Bozzetto

La mania degli italiani per i droni sbarca nel mondo dei fumetti. Il disegnatore Bruno Bozzetto ha dedicato una striscia a questi nuovi robot volanti, con il suo inconfondibile stile ironico e tagliente. Nella divertente striscia a fumetti, il Signor Rossi interpreta come sempre i panni dell’italiano medio. “Finalmente possiedo un oggetto unico e prezioso!”, esclama nella prima vignetta, mentre è impegnato a pilotare il suo quadricottero nuovo di zecca. Ma la felicità lascia ben presto spazio alla delusione e a un pizzico di rabbia, quando il Signor Rossi si avvede che intorno a lui svolazzano un gran numero di droni, pilotati da altrettanti entusiasti appassionati.

RomaDrone2015.BrunoBozzetto_VignettaManiaDroniDEF

“Ho diversi amici che amano utilizzare i loro piccoli droni”, ha spiegato Bruno Bozzetto, “e ho potuto conoscere da vicino la grande passione che sta dilagando tra gli italiani per queste strane macchine volanti radiocomandate. Per questo motivo, ho accolto volentieri l’invito dell’organizzazione di Roma Drone Expo&Show di realizzare una striscia che raccontasse, a modo mio, questa curiosa mania che ha colpito piccoli e grandi nel nostro Paese. Devo ammettere che il Signor Rossi si è molto divertito a far volare, per la prima volta in mezzo secolo, addirittura un drone in una sua storia. Ma forse, dopo la cocente delusione, avrà deciso di parcheggiarlo in soffitta e di non pensarci più”.

Operatore Droni, al via i pacchetti completi di Aerialclick!

Hexandro1[1]

Grandi e complessi o piccoli e maneggevoli, i droni stanno diventando giorno dopo giorno uno strumento indispensabile sia per lavorare che per giocare.

Attenzione però! In Italia, come nel resto d’Europa, è entrata in vigore la normativa che regolamentare la presenza di questi aeromobili nei cieli e responsabilizza gli utenti per l’utilizzo di questi strumenti che non hanno nulla a che fare con i giocattoli. Regole che servono per proteggere cose, oggetti e incolumità (e non solo la privacy).

Oggi infatti per pilotare un drone (SAPR) riconosciuto da ENAC (l’ente nazionale per l’aviazione civile) è indispensabile avere un apposito patentino, rilasciato a seguito di un corso tenuto da un ente riconosciuto. Ad esempio Aerialclick, società da anni presente nel mondo dei SAPR, grazie anche alla collaborazione con Helispin, ha creato da poco un pacchetto completo per lavorare in questo mondo rispettando le regole ENAC.

Si parte da un corso teorico (previo superamento della visita medica di II classe) riguardante la conoscenza delle regole dell’aria e nozioni di aerodinamica, normativa, componentistica di bordo e metereologia. Si passa così al corso pratico, con lezioni di volo su un mezzo riconosciuto ENAC.

Infine si spiega come poter otterene le autorizzazioni per volare in aree non critiche o, se il mezzo è dotato degli opportuni accorgimenti, in scenari misti. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi