L’era della macchina volante è arrivata… grazie ai droni!

ehang-184-aav-passenger-drone-23[1]

L’era del trasporto delle persone con fantasmagoriche macchine volanti non arriverà mai? Dovete e dobbiamo ricrederci tutti! La startup cinese Ehang ha utilizzato la tecnologia dei droni per costruire un aereo per trasportare un passeggero per oltre 40 km in totale sicurezza.

Il drone trasporta persone

EHang 184 AAV è un drone ottocottero per trasportare una sola persona per 23 minuti a circa 100 km/h.

Per decenni la gente ha sognato di avere una auto volante. Alcune aziende ci hanno investito parecchio, come la Terrafugia Transition o skycar, ma al momento nessuna ha davvero sfondato veramente, forse per gli alti costi di gestione, forse per gli eccessivi limiti imposti dalle normative.

“EH184 offre una soluzione praticabile per le numerose sfide del settore dei trasporti”, ha detto il CEO dell’azienda Huazhi Hu in un comunicato. Anche se è inizialmente rivolto ai pendolari, “EHang avrà un impatto globale in decine di industrie al di là di viaggio personale“.

E per le normative?

Prima che possa accadere, le ambizioni di EHang dovranno fare i conti con vincoli normativi vigenti e sarà molto difficile poter vendere questo prodotto senza avere una sorta di certificato di aeronavigabilità, seppur sperimentale.

EHang ha detto che sta lavorando con i governi di tutto il mondo e che sarà necessaria la licenza senza pilota per utilizzare il mezzo. I passeggeri voleranno toccando una destinazione su una mappa elettronica all’interno del velivolo, e il 184 farà tutto il resto.

A causa di queste questioni normative, non è ancora chiaro quando il velivolo sarà in vendita. Il prezzo è anche incerto, ma la società spera di poter vendere la macchina ad un prezzo concorrenziale con una auto di lusso.

Uno sguardo alla sicurezza

EHang ha detto che non ha lesinato sulla sicurezza. In caso di collisione con i volatili il mezzo potrebbe atterrare immediatamente, se necessario. I passeggeri possono anche toccare un pulsante per librarsi a mezz’aria, se necessario.

La macchina non è esattamente un drone, che per definizione è un veicolo senza pilota, ma adotta la stessa tecnologia che sta alimentando questa rivoluzione. Nella maggior parte dei droni, quattro o più rotori forniscono la spinta verso l’alto, e un computer controlla la velocità con attenzione per inclinare e orientare il mezzo. I sensori sono in grado di misurare con precisione la posizione e l’orientamento del velivolo.

Il EHang 184 AAV ha otto motori che alimentano otto eliche su quattro bracci estensibili. La sua cabina di guida può ospitare un passeggero fino a 120 Kg mentre il peso a vuoto è pari a 110 Kg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi