5 cose che potrebbero accadere quando un giorno l’umanità incontrerà una razza aliena

La ricerca di vita extraterrestre è nella coscienza pubblica da decenni, ma cosa accadrebbe se effettivamente incontrassimo una razza aliena? La NASA terrà un simposio annuale, su cui si discuterà l’obiettivo di trovare “Terra 2.0, “, cercando di capire cosa potrebbe accadere alla razza umana in seguito ad una comunicazione di tale portata.

Rigidi protocolli entrerebbero in gioco

Nel 1997, il SETI aveva lanciato un falso allarme di aver trovato vita intelligente, subito raccolto dal New York Times e da qui sfuggito completamente al controllo. Dopo quell’incidente, il SETI creò protocolli specifici per gli astronomi che credono di aver scoperto la vita aliena, al fine di garantire che le informazioni siano adeguatamente verificate e diffuse al pubblico mediante canali controllati.

In primo luogo, gli astronomi sono tenuti a verificare al meglio delle loro capacità che i segnali non sono provenienti da qualsiasi fenomeno naturale, e quindi farlo verificate in modo indipendente da qualcuno al di fuori di SETI. Dovrebbero poi informare gli astronomi in altre nazioni, come pure il Segretario Generale delle Nazioni Unite, in modo che le informazioni possano essere divulgate attraverso i media pubblici scientifici e accreditati.

Qualcuno avrebbe rovinato la sorpresa su Twitter

Ma questo è il 21 ° secolo, così gli astronomi ammettono che nessuno di questi protocolli finirebbe seguito. Nell’era dell’informazione sarebbero inevitabili divulgazioni false di notizie prima che queste vengano controllate. Blog, Twitter, Reddit, e ogni altro social possono far camminare velocemente le notizie.

Si intaserebbe Internet

E una volta divulgata la notizia, avremmo probabilmente un blocco dei social media quel giorno. Non è necessariamente una cosa negativa, una volta che l’informazione è verificata, è giusto che essa venga divulgata il più possibile.

La reazione del pubblico sarebbe come quella del film Contact

Il pubblico sarà aperto alla scoperta di vita aliena, o avrà paura di un’invasione aliena? Paul Ziolo, professore di psicologia presso l’Università di Liverpool e presentatore regolare ai simposi NASA, ha citato il film Contact come un ritratto realistico delle reazioni pubbliche diverse per una tale scoperta.

Avremmo un motivo per credere nella longevità della civiltà umana

Mentre le reazioni del pubblico varierebbero, gli scienziati sarebbero ottimisti per i segnali confermati da una civiltà avanzate, come per dare loro più speranza per il futuro dell’umanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi