Norwegian: si parte con il low-cost verso gli USA

6000th-boeing-737-norwegian[1]

I viaggiatori che ricordano il periodo d’oro degli anni ’90 quando i viaggi A/R dagli USA costavano meno di 300 euro non sono stati felici in questi ultimi anni, da quando (forse anche a causa dei rialzi del petrolio) un volo da 1000 euro A/R dagli USA era considerato un prezzo decente. I loro stati d’animo possono migliorare ora che uno dei più grandi vettori low cost in Europa si sta espandendo in grande stile, con nuovi itinerari e prezzi poco costosi che potrebbero sconvolgere il mercato dei voli transatlantici.

All’inizio di quest’anno, Norwegian Air ha lanciato il servizio che collega l’aeroporto di New York JFK a Oslo e Stoccolma. Questa settimana, il vettore ha annunciato di servizio tra l’Europa e altre tre città americane (Orlando, Oakland, Los Angeles) a partire dal prossimo anno. Le compagnia low cost tendono ad evitare voli a lungo raggio, preferendo concentrarsi sulle tratte brevi (e in genere più redditizie). Ma per Norvegian il mercato transatlantico era troppo succoso per essere trascurato. “Siamo convinti che gli Stati Uniti sono un buon mercato” ha detto il CEO norvegese Bjorn Kjos in una conferenza stampa. “La gente ama volare a basso costo e  lontano.”

La compagnia aerea prevede di utilizzare i nuovi Boeing 787 Dreamliner, che operano ad un costo del 30% inferiore a quello dei classici aerei. Cercando i voli low cost su volagratis ci si rende conto come effettivamente le tariffe introduttive da Los Angeles, Orlando, e Oakland alle città della Scandinavia partono da soli $ 237 a tratta, tasse e spese incluse.

Quali sono i prezzi della concorrenza?

Consultando le offerte della Scandinava SAS, un volo andata e ritorno da Orlando a Oslo arriva ad un totale di $ 993 durante la bassa stagione di novembre. Incluso in questo vi è un totale di $ 588 tra imposte e tasse (496 dollari per un “supplemento internazionale”). In altre parole, Norwegian Air Shuttle tiene davvero bassi i prezzi.

Mentre le nuove rotte si rivolgono ai viaggiatori americani interessati a vedere la Scandinavia (o scandinavi interessati venire in America), è anche facile usare Oslo o Stoccolma come hub europeo. Tutto quello che serve è la prenotazione di un altro volo a basso costo da un altro paese estero. Inoltre Norwegian ha pensato a una partnership con un vettore americano in modo che i passeggeri possano prenotare un biglietto unico capace di collegare gli hub in Europa con decine di città degli Stati Uniti. “Potrebbe essere che lavoreremo con gli operatori low-cost come Jet Blue negli USA” ha detto Kjos. “I nostri passeggeri potranno volare a New York con noi e continuare con Jet Blue verso altri posti in USA”

Come con qualsiasi vettore a basso costo, tuttavia, ci sono anche aspetti negativi. A differenza della compagnia aerea tipica che offre voli almeno una volta al giorno, Norwegian volerà solo due o tre volte alla settimana. Quindi, se si perde un volo, potrà passare più di una settimana fino a quando ce n’è un altro che è in partenza e in realtà ha lo spazio per voi. Inoltre, Norwegian mantiene tariffe low-cost seguendo il modello Ryanair e Spirit Airlines, in cui si paga tutto, dal bagaglio al cibo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi