Curiosity: la missione ha inizio!

“Curiosity”, il rover hi-tech della NASA ce l'ha fatta: due giorni fa è atterrato su Marte ed ora perfora qua e la alla ricerca di acqua e tracce di vita.

La missione è un condensato di tecnologia e strumenti futuristici: Curiosity è il rover più grande mai inviato su Marte, lungo 3 metri e pesante 900 chilogrammi, sceso sulla superficie non tramite airbags come accaduto con i passati rover ma atterrato dolcemente sulla superficie come un aereo a decollo verticale.

Ora Curiosity sarà impegnato a esplorare la zona del sito d'atterraggio: il cratere Gale e il Monte Sharp, alto ben 5000 metri.

Nel frattempo la NASA ha messo a disposizione un filmato che mostra le ultime fasi prima dell'atterraggio, riprese direttamente dal rover. Al momento sul pianeta la temperatura è “gradevole” e il tempo sereno e stabile: meno cinque gradi durante il giorno e meno 85 durante la notte;

Per Gian Gabriele Ori, geologo e direttore dell'International Research School of Planetary Sciences, “Abbiamo davanti a noi un futuro di scoperte fantastiche”. Ora dobbiamo solo capire se effettivamente Marte ha ospitato la vita e, nel caso, capire cosa l'abbia portata via.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi