Aeronautica italiana: addio F16

Mercoledì 23 Maggio si è svolta presso il 37° Stormo di Trapani Birgi la cerimonia per il termine del programma "Peace Caesar" con il quale sono stati concessi in leasing dal governo statunitense all’Aeronautica Militare i caccia F-16 che hanno concorso negli ultimi nove anni alla difesa dello spazio aereo italiano.

Un momento della cerimonia

All’evento, presieduto dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Generale di Squadra Aerea Giuseppe Bernardis, hanno partecipato il Comandante della Squadra Aerea, Generale di Squadra Aerea Tiziano Tosi, nonché Autorità civili, militari e rappresentanti del Governo americano.

Il Capo di Stato Maggiore, Generale di Squadra Aerea Giuseppe Bernardis, ha sottolineato durante il proprio discorso il successo d’impiego del caccia F-16. “Sono stati una decina d’anni entusiasmanti, una decina d’anni dove il nostro personale ha lavorato in maniera eccezionale e con una determinazione unica” – ha detto il Generale Bernardis, aggiungendo che “Trapani e il 37° Stormo manterranno un’importanza fondamentale per l’Aeronautica Militare e per il sistema difensivo italiano”. Il Capo di Stato Maggiore A.M. ha infine ricordato il processo di trasformazione che porterà la Forza Armata ad una “mutazione che ci vedrà più piccoli un domani, ma sempre più efficienti, sempre più capaci di rispondere alle sfide che ci vengono poste e alle richieste che il Paese ci farà, con le risorse che ci verranno date disponibili”.

Il successo del programma è stato evidenziato anche dal Generale di Squadra Aerea Tiziano Tosi che ha affermato “l’originalità richiesta all’indomani della scelta di dotarsi dell’F-16 torna d’attualità oggi, perché il 37° continuerà ad avere un’importanza strategica per l’Aeronautica e per la difesa del Paese. Un ruolo fondato sulla consapevolezza che le capacità acquisite in tutti questi anni non possono essere disperse, ma dovranno essere capitalizzate per arricchire l’intero settore operativo affidato al Comando Squadra Aerea”.

Il Colonnello Mauro Gabetta, Comandante del 37° Stormo, ha parlato dell’esperienza maturata con il velivolo F-16, sottolineando che "il programma F-16 è stato un programma di successo, perché ha permesso di ottimizzare le risorse della Difesa in un periodo storico particolarmente critico: è stato uno strumento necessario all’Aeronautica Militare per transitare in modo efficace ed efficiente da una macchina che ormai aveva raggiunto il limite della sua capacità operativa, il caccia F-104, al nuovo velivolo europeo l’Eurofighter".

Durante i nove anni di attività in Italia gli F-16 “Fighting Falcons” sono stati impiegati quotidianamente per la difesa dello spazio aereo nazionale, consentendo la transizione dal velivolo F-104 al caccia di nuova generazione EF-2000 “Eurofighter” e raggiungendo, in tempi strettissimi, la piena operatività con significativi risparmi economici.

Nel 2011, gli F-16 hanno partecipato alle operazioni "Odyssey Dawn e Unified Protector", fornendo il proprio contributo all’implementazione della no-fly zone sui cieli libici a protezione dei civili e delle aree maggiormente popolate del Paese nord-africano.

Via: Aeronautica e Difesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi