Nespoli, Vittori e la bandiera italiana.

La bandiera italiana ha sventolato questo pomeriggio a bordo della ISS durante il collegamento tra Roberto Vittori e Paolo Nespoli, a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ed il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano dal Quirinale.
Un evento importante questo, sotto molti aspetti. È infatti la prima volta che due astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) di nazionalitá italiana si trovano insieme a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e insieme parlano con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al Quirinale.

Durante il collegamento, a bordo della Stazione i due astronauti italiani hanno spiegato la bandiera italiana che il Presidente stesso aveva consegnato a Roberto Vittori prima della sua partenza, in una cerimonia tenutasi a Reggio Emilia il 7 gennaio, giorno di apertura delle Celebrazioni nazionali per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

Vittori ha poi consegnato la bandiera al collega Nespoli che la riporterà a Terra.  Il collegamento si è aperto con il saluto del Presidente ai due comandanti della Stazione, Dmitry Kondratyev e Mark Kelly. Quest’ultimo, prima di lasciare la parola ai due astronauti italiani, si è congratulato con il Presidente per il 150^ anniversario dell’unità d’Italia.

All’evento erano presenti il Capo del Centro Astronautico Europeo (EAC) Michel Tognini, in rappresentanza dell’ESA, e l’Ing. Enrico Saggese dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).
Roberto Vittori è giunto a bordo della ISS lo scorso 18 maggio, insieme all’equipaggio della missione STS-134, dopo un lancio spettacolare con lo Shuttle Endeavour, portando sulla Stazione lo strumento AMS, che è stato installato in questi giorni, esperimenti scientifici italiani e, appunto, la bandiera italiana ricevuta dal Presidente Napolitano.

Il nome della missione di Vittori e’ DAMA.

Paolo Nespoli è invece alla conclusione di una missione di lunga durata, denominata MagISStra, ed il suo rientro è previsto nelle prossime ore a bordo della navicella russa Soyuz, con cui era stato lanciato insieme ai compagni di viaggio Dmitry Kondratyev e Catherine Coleman il 15 dicembre dal cosmodromo di Baikonour. La navicella atterrerà dopo un breve viaggio di poche ore nelle steppe del Kazakistan.

Comunicato ESA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi