Leonardo va nello spazio!

Discovery as seen from ISSDopo il lancio perfetto dello scorso giovedì ed un attracco da manuale sabato, lo Space Shuttle ha consegnato martedì alla Stazione Spaziale Internazionale il modulo permanente multifunzione (PMM) di costruzione europea Leonardo.
Quest’ultimo volo del Discovery segna l’ottavo ed ultimo viaggio di Leonardo verso il complesso orbitante. Ma la sua visita sarà più lunga: il modulo rimarrà agganciato alla Stazione come un’estensione permanente. Costruito originariamente come veicolo cargo da e per la Stazione nel vano di carico dello Shuttle, le modifiche apportate a Leonardo includono un scudo migliorato contro i rifiuti spaziali ed un più facile accesso da parte dell’equipaggio alle attrezzature interne al modulo.

Leonardo ha volato per la prima volta nello spazio nel 2001, sempre con il Discovery, primo dei tre Moduli Logistici Multifunzione (Multipurpose Logistics Modules) costruiti dall’Agenzia Spaziale Italiana, ASI, in base ad un accordo con la NASA.  

L’ultimo carico per la Stazione comprende una scaffalatura per esperimenti e una serie di attrezzature per lo stoccaggio. Leonardo può inoltre supportare la ricerca in microgravità per quanto riguarda fluidi fisici, scienza, biologia e biotecnologia.

Leonardo è stato rimosso dal vano di carico dello Shuttle utilizzando il braccio robotico della Stazione e attaccato alla porta del modulo Unity rivolta verso la Terra. L’aggancio è stato completato alle ore 16h05.

Il rientro a Terra dello Shuttle Discovery è previsto per martedì 8 marzo.

Comunicato ESA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi