Daily Archives: 24 febbraio 2011

TAP rilancia: obiettivo Brasile

TAP Portugal, vettore membro Star Alliance, prosegue la sua strategia di espansione verso il Brasile, ampliando l’offerta del proprio network. A partire da giugno 2011 la compagnia inaugurerà quattro nuove frequenze alla settimana tra Lisbona e Porto Alegre, capitale di Rio Grande do Sul, Stato con il quarto maggiore PIL del Brasile e una popolazione di oltre 10 milioni di abitanti.

L’introduzione del nuovo operativo punta a rispondere alle esigenze specifiche della clientela europea che desidera raggiungere il Sud del Brasile con voli diretti attraverso un unico scalo europeo via Lisbona. Inoltre la nuova destinazione consentirà alla compagnia di ampliare la sua offerta su Buenos Aires e Montevideo, attraverso i collegamenti dalla capitale dello Stato di Rio Grande do Sul su voli operati in code-share con le compagnie associate.

Nel 2010 TAP Portugal ha trasportato oltre 1,4 milioni di passeggeri tra il Portogallo e le nove città brasiliane verso le quali opera attualmente, pari al 25% in più rispetto all’anno precedente. Con l’apertura della decima destinazione in Brasile, la compagnia aerea portoghese si conferma vettore europeo di riferimento per il Brasile anche grazie alla posizione geografica strategica del proprio Hub di Lisbona, crocevia tra i due continenti, come riconosciuto in occasione dei World Travel Awards 2010 dove è stata eletta per il secondo anno consecutivo migliore Compagnia Aerea Leader Mondiale per il Sud America.

Primo Airbus A380 di Korean Air con livrea ufficiale

Airbus ha presentato presso il proprio sito di Amburgo il primo A380 di Korean Air.

L’aeromobile, il primo di 10 A380 ordinati dalla compagnia, verrà consegnato alla compagnia nel secondo trimestre del 2011. Korean Air sarà così il sesto operatore per questo modello di aeromobile.

image

Inizialmente Korean Air opererà l’A380 sulla rotta Seul-Tokyo, Hong Kong e Bangkok, e successivamente attiverà i voli anche verso New York e Los Angeles.

In allegato foto dell’aeromobile.

Jessica Piccinini

Una Low Cost che si tinge di rosa

Air Dolomiti, la Compagnia italiana del Gruppo Lufthansa, offre un’interessante opportunità alle donne che decidono di festeggiare l’8 marzo a Vienna.

La Compagnia propone infatti alle signore che decidono di volare nella capitale austriaca dall’aeroporto di Verona, una straordinaria tariffa a partire da € 89, andata e ritorno tutto incluso*.

Perché non approfittare della vantaggiosa offerta Air Dolomiti e organizzare un piacevole viaggio tra donne? Prenotare il proprio volo è semplice: basta contattare il Call Center della Compagnia al numero 045 2886140 e volare dall’8 marzo al 10 aprile 2011.

L’ufficio è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 18:00.

NASA: milioni di pianeti possono ospitare la vita

La Nasa Conferma: Milioni Di Pianeti Potrebbero Ospitare La VitaGli scienziati statunitensi ritengono che, nella vastità della Via Lattea, almeno una stella su due abbia almeno un pianeta che orbiti intorno ad essa; questo significa che, dei dieci miliardi di stelle che si stima siano presenti nella nostra galassia, almeno la metà sia il cuore di un sistema extrasolare e, si suppone, molti di questi hanno più di un solo pianeta in orbita.

Al momento "Kepler" ha identificato 1.235 potenziali sistemi extrasolari e, in 54 casi, i pianeti si trovavano in quella che è stata definita "zona abitabile", cioè adatta ad ospitare una qualche forma di vita. Certo, non è da escludere che queste forme di vita possano essere, in alcuni casi, estremamente semplici, come ad esempio dei batteri, ma il vasto numero dei pianeti abitabili rende possibile ritenere che vi sia vita intelligente nell’universo.

Il migliore anno per gli incidenti aeronautici

Il tasso di incidenti per gli aerei a reazione costruiti in Occidente nel 2010 è stato il più basso nella storia dell’aviazione. E’ questo il dato interessantissimo dell’International Air Transportation Association (IATA) annunciato questa settimana. Nel 2010, per ogni milione di voli di aeromobili a reazione costruiti in Occidente, la IATA ha registrato 0,61 incidenti, uno ogni 1,6 milioni di voli. Detto questo, il numero di vittime è salito nel 2010, e la sicurezza del volo è significativamente differente a seconda della regione geografica.

Nel 2009 ci sono stati 685 incidenti mortali sui voli di jet, contro i 786 nel 2010. Queste cifre corrispondono a 23 infortuni mortali in tutti i tipi di aeromobili nel corso del 2010, contro 18 nel 2009. In Africa il tasso di incidenti è a 7,41 (ancora un miglioramento rispetto al tasso di 9,94 nel 2009). La media globale per le perdite è stata quotata a 0,61 per milione di voli, secondo la IATA.

Il sole sorge due giorni prima in Groenlandia: è mistero

imageDoveva sorgere il 13 gennaio, dopo i mesi invernali di buio polare, come ogni anno da secoli a questa parte. Ma i cittadini di Ilulissat, piccolo paese sulla costa occidentale della Groenlandia, sono stati sorpresi da un’alba in anticipo di 48 ore: il sole è sorto la mattina l’11 gennaio. Mistero, illusione ottica o colpa del riscaldamento climatico? Le ipotesi si moltiplicano, ma il fenomeno resta tuttora senza spiegazione.

Ilulissat è la città più ad ovest della Groenlandia e si trova 3 gradi sopra il Circolo polare Artico: lassù, d’inverno resta buio per circa un mese e mezzo. E’ la prima città ad essere investita dai raggi solari alla fine di questo periodo: un’alba storica, che da tempo avviene il 13 gennaio.

Quest’anno, i primi raggi hanno toccato la città verso l’una del pomeriggio dell’11 gennaio, lasciando attoniti gli abitanti. La notizia è circolata in primis su internet, per poi finire sulla tv groenlandese, sul Daily Mail, diversi siti scientifici e sulla stampa internazionale. Diversi gli scienziati interpellati, che si sono sbizzarriti in ipotesi e spiegazioni.

Secondo Tim Dixon, docente di Geodesia all’University of Southern Florida, il fenomeno è dovuto allo scioglimento della calotta polare per effetto del cambiamento climatico. L’abbassamento della linea dell’orizzonte che ne consegue potrebbe aver permesso alle persone di vedere il sole prima. Questa teoria è anche supportata da alcuni recenti studi sui ghiacci della Groenlandia che parlano di un dicembre particolarmente caldo e di un’accellerazione del ritiro dei ghiacciai.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi