Daily Archives: 15 febbraio 2011

747-8: il primo decollo e il primo atterraggio

Per i nostri lettori riproponiamo il primo decollo e il primo atterraggio del gigante dell’aria, il 747-8: buona visione!

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Il primo decollo

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Il primo atterraggio

Promozioni di successo per Thai Airways

Aeromobile Thai AirwaysÈ sempre tempo di volare con Thai Airways: sulla scia del successo registrato fin dal loro lancio, la Compagnia di Bandiera thailandese prolunga ulteriormente le promozioni Fly 2gether e Honeymooners che vengono estese fino al 31 marzo 2012.

Un’opportunità da non perdere per chi sceglie di viaggiare in compagnia sperimentando l’esclusività delle Classi Premium Thai Airways: grazie alla promozione Fly 2gether, volando in due verso la Thailandia a bordo della Royal First Class e della Royal Silk Class il secondo passeggero usufruisce di una riduzione del 50% sulle già convenienti tariffe di mercato del vettore (esclusa alta stagione: 30 luglio-15 agosto e 19-29 dicembre 2011). L’offerta è valida sui voli in partenza da Roma Fiumicino e Milano Malpensa per atterrare nel modernissimo Bangkok Suvarnabhumi Airport.

Per i novelli sposi la luna di miele inizia in volo: la Compagnia dell’Orchidea prosegue con le sue dolci attenzioni grazie a benefits riservati come il dolce nuziale a bordo durante il viaggio verso la Thailandia, accesso alle prestigiose Royal Silk Lounge del vettore presso il Bangkok Suvarnabhumi Airport in attesa del volo del ritorno e, per chi non ha saputo resistere alle tentazioni dello shopping thailandese, eccedenza bagaglio gratuita di 20 kg al rientro a coppia.

Tornano i dirigibili?

Lo SkyLIner, in parte aereo in parte dirigibile, può traspostare fino a 1.000 tonnellate di carico utileGli Zeppelin sono tornati ma questa volta si travestono a metà da aerei, proponendosi come «ibridi» capaci di mettere assieme in un solo apparecchio il meglio del dirigibile e del velivolo ad ala. Fra i tanti vantaggi c’è la possibilità di filare via molto più velocemente dei dirigibili di una volta e di trasportare un maggior carico utile (passeggeri e merci), con prestazioni quasi da aereo, ma consumando poco carburante; un grande beneficio per l’economia e per l’ambiente. Diverse aziende nel mondo hanno in fase avanzata lo sviluppo di dirigibili che sfruttano il pieno di gas elio nel loro guscio per essere più leggeri dell’aria, ma in più hanno anche una forma nuova, più piatta rispetto a quella tradizionale a sigaro, e conformata in modo da creare un effetto-ala; per dirla in altro modo, i loro motori non servono solo a spostare la macchina in orizzontale, ma anche a creare una spinta verticale, una «portanza» generata dal profilo alare, come avviene negli aerei.

I vantaggi? Secondo gli ingegneri della World SkyCat, che sta costruendo in Gran Bretagna un ibrido aereo-dirigibile chiamato indifferentemente SkyLiner o SkyCat, «questi nuovi velivoli si imporranno soprattutto nel traffico cargo». Il modello SkyCat attuale, che è spinto da quattro motori collocati lateralmente (a loro volta a basso consumo), trasporta 200 tonnellate di roba, ma già se ne prevede uno che arriverà a mille, che corrispondono (addirittura) a setto o otto volte la capacità di carico di un jumbo 747. Velocità: 185 chilometri l’ora. Questo sembra ottimo per trasportare le merci che non c’è bisogno che arrivino troppo velocemente ma per le quali c’è gran vantaggio a volare con poca spesa. Invece più difficilmente l’ibrido aereo-dirigibile potrà sedurre i passeggeri, con una velocità così modesta, salvo quelli meglio disposti verso l’ambiente (che comunque potrebbero essere milioni) e coloro che vogliono gustarsi un volo fatto proprio così. Un vantaggio aggiuntivo del nuovo velivolo è che decolla e atterra in verticale, quindi in spazi ridotti. Sarà di certo utile per in trasporti in territori isolati o per altro verso difficili.

No, non c’è nessuna prova di un pianeta gigante nel sistema solare esterno

Questa la storia. Due astronomi, John Matese e Dan Whitmire, hanno teorizzato la possibilità di un pianeta sconosciuto al di là di Plutone. L’idea non è assurda: vediamo pianeti che orbitano intorno ad altre stelle, e ci sono teorie di altri grandi pianeti molto lontani dal Sole. Come succede, ci sono un sacco di pezzi di ghiaccio in orbita intorno al Sole piuttosto lontani. Alcuni di questi hanno orbite che li portano nel sistema solare interno, le famose comete.

Uno studio più importante è stato fatto, ma ancora una volta gli effetti non sono abbastanza per affermare l’esistenza di un pianeta. Non sto dicendo che gli astronomi si sono sbagliati, ma al momento ancora non esiste una osservazione diretta.

Un pianeta del sistema solare esterno potrebbe essere abbastanza caldo per brillare nel raggio dell’infrarosso e essere individuato nei dati WISE.

Incredibile, ancora! E’ il nuovo 747-8!

imageBoeing ha presentato il suo nuovo 747-8 Intercontinental, aereo che offre alle compagnie i costi operativi più bassi fornendo al contempo migliori prestazioni ambientali.

Circa 10.000 ospiti, tra clienti, dipendenti Boeing, funzionari governativi, partner e fornitori, si sono riuniti nello stabilimento di Everett, nello stato di Washington, per assistere alla prima dell’evento a tema "Incredibile, ancora." Boeing Commercial Airplanes President e Chief Executive Officer Jim Albaugh ha detto che il nuovo 747 incorpora importanti avanzamenti tecnologici che lo rendono un aereo estremamente produttivo per i clienti.

image"Il nuovo 747-8 Intercontinental adotta molte delle innovazioni introdotte sul 787 Dreamliner", ha detto Albaugh. "Il 747-8 Intercontinental sarà un ottimo complemento alla nostra flotta", ha dichiarato Nico Buchholz, vice presidente esecutivo di Lufthansa Group Fleet Management. "Come cliente di lancio, siamo lieti di accogliere questo nuovo aeromobile."

La prima consegna del 747-8 Intercontinental è prevista per il quarto trimestre. Il 747-8 Intercontinental consentirà agli operatori di avere un aereo ideale per lunghe e trafficate vie di tutto il mondo", ha detto Pat Shanahan, vice president e general manager, Airplane Programs, Boeing Commercial Airplanes. "Il nuovo 747-8 Intercontinental fisserà un nuovo standard in termini di prestazioni economiche e ambientali, fornendo nel contempo una esperienza ai passeggeri."

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi