Malpensa–Centrale? 43 minuti netti!

imageCon l’orario ferroviario invernale, è arrivato anche il Malpensa Express. Un treno che finalmente collega la stazione Centrale all’aeroporto con l’obiettivo dichiarato di raddoppiare i passeggeri che raggiungono lo scalo varesino con il treno. Uno all’ora e 51 nuove corse giornaliere alla tariffa promozionale (per i primi sei mesi) di 7 euro. Garibaldi, Bovisa, Saronno, Busto Arsizio Fn sono le fermate previste per le ore di punta. Per il resto stop anche a Rescaldina, Castellanza e Feno-Lonate. Altre 5 corse per Malpensa (e sei dall’aeroporto alla Centrale) fermeranno soltanto a Garibaldi e Bovisa con percorrenza di 43 minuti. Negli altri casi tempi allungati a 48 e 52 minuti, assolutamente concorrenziali con gli attuali collegamenti via pullman e taxi. Il tutto reso possibile dall’attivazione, lo scorso luglio, del «passantino» tra Centrale a Bovisa.

La tratta è stata inaugurata ieri a Malpensa dal presidente della Regione Roberto Formigoni, dall’assessore ai Trasporti Raffaele Cattaneo, dal presidente di Sea Giuseppe Bonomi e dai dirigenti di Ferrovie Nord. «Una dimostrazione in più di come il sistema ferroviario regionale funzioni», ha sottolineato Formigoni all’arrivo della corsa inaugurale del Malpensa Express partito dalla Centrale nei canonici 43 minuti. «Mentre tutte altre regioni riducono il servizio a causa del taglio delle risorse, Regione Lombardia che subisce il taglio più grave riesce ad ampliare offerta per i pendolari su tutta la rete. Dal 2001 abbiamo investito, per il trasporto su ferro, 900 milioni di euro – ha aggiunto – Più di tutte le altre regioni italiane messe insieme. Il risultato è che Malpensa, pur in presenza di anni di crisi mondiale contemporanei al de-hubbing, è cresciuta collocandosi al livello dei migliori aeroporti del mondo».

Per ora sono operativi anche due dei nuovi treni Alstom Coralia, cinque carrozza con ingresso al livello del marciapiede, 230 posti, schermi luminosi per le informazioni, impianti di videosorveglianza e 160 chilometri all’ora. Gli altri quattro della commessa da 35 milioni di euro, entreranno in servizio entro gennaio. I collegamenti ferroviari giornalieri da Milano all’aeroporto diventano così in tutto 130. «Abbiamo potenziato i collegamenti con Malpensa senza gravare sul servizio ferroviario regionale perché il Malpensa Express è un servizio a mercato che non gode di sovvenzioni pubbliche», ha spiegato l’amministratore delegato di Trenitalia-Le Nord Giuseppe Biesuz. «Non abbiamo sottratto risorse ai pendolari – ha aggiunto l’assessore Cattaneo -, ma anzi 40 delle 51 nuove corse sono disponibili al prezzo normale, di prima e seconda classe».

Mentre il presidente di Sea Bonomi sottolinea che «Malpensa ha raggiunto un record: è il primo aeroporto in Europa, senza vettore di riferimento, per i collegamenti con l’Oriente e il Medio Oriente. Nel 2010 abbiamo lanciato un nuovo percorso di sviluppo che ci ha permesso di collegare a Malpensa città come Hong Kong, Nuova Delhi e Muscat. Alle quali aggiungiamo Pechino, la nuova destinazione che sarà raggiungibile dalla prossima estate. Malpensa ha dimostrato una grande capacità di reazione rispetto a quello che è intervenuto di negativo negli ultimi anni, dal fenomeno ormai sepolto nella memoria del dehubbing Alitalia, agli effetti della crisi economica sul trasporto aereo mondiale».

Fonte: Il Giornale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi