Una nuova politica spaziale europea

Il 26 e 27 ottobre la sede del Parlamento europeo a Bruxelles, è stata teatro della terza conferenza sulla politica spaziale europea “A new space policy for Europe”. L’evento è stato organizzato da Business Bridge Europe (BBE) con il supporto di “Sky and Space”, gruppo interparlamentare con a capo l’italiano Vittorio Prodi. Sono intervenuti diversi leader europei, il direttore generale dell’ESA Jean Jacques Dordain, il Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, Antonio Tajani vice presidente della Commissione europea, Enrico Saggese presidente dell’ASI e altri attori di spicco del settore. L’incontro aveva lo scopo di rendere note a  policy makers, rappresentanti della società civile e dell’ industria le nuove competenze in materia spaziale che l’Europa ha acquisito dopo la firma del Trattato di Lisbona.

La scelta di organizzare  la conferenza proprio a Bruxelles  non è casuale: la sede del Parlamento europeo rappresenta un  punto d’incontro privilegiato per i massimi responsabili delle decisioni comunitarie, il mondo della ricerca scientifica e spaziale. Secondo l’opinione generale, la collaborazione tra istituzioni e ricerca scientifica  rappresenta una sfida per il futuro lo sfruttamento del potenziale tecnico spaziale  deve rispondere alle nuove esigenze della società. L’obiettivo è garantire a tutti i cittadini europei l’accesso alle tecnologie e ai servizi avanzati.

“Non c’è competitività senza ricerca e lo spazio è il settore dove l’innovazione è il motore”, ha dichiarato Antonio Tajani, vice presidente della Commissione europea “la ricerca in campo spaziale non può occuparsi solo di missioni e lanci, ma deve fornire risposte concrete ai cittadini europei”. "Le nuove competenze in materia comunitaria – ha dichiarato Dordain , sottolineando l’importanza del Trattato di Lisbona   che  definisce per la prima volta le linee di un’ambiziosa politica spaziale – potrebbero favorire la ricerca in settori come global environment e prevenzione dei disastri naturali in modo da acquisire una vasta gamma di competenze utili alla società civile". L’assegnazione di un ruolo decisionale alla Commissione, dovrebbe dare nuovo impulso ai programmi spaziali continentali quali il sistema di navigazione satellitare Galileo e il GMES (Global Monitoring Environment Security) per il monitoraggio globale dell’ambiente e della  sicurezza.

Comunicato ESA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi