Marte: cosa è successo alla sua atmosfera?

marte UN progetto da oltre 400 milioni di dollari per studiare l’atmosfera di Marte e come il pianeta rosso ha perduto gran parte di essa. Una mossa fondamentale per capire se vi sia stata vita su Marte o meno.

"Le osservazioni precedenti ci ha dato la ‘prova del reato’, ha dichiarato Joseph Grebowsky del NASA‘s Goddard Space Flight Center in Greenbelt , Md e scienziato del progetto.

Una delle cause citate per la perdita di atmosfera è stato il vento solare, un flusso di particelle cariche emesse dal sole. Rispetto a Marte, l’atmosfera terrestre è più spessa e il pianeta ha ancora un campo magnetico che lo protegge dalla radiazione solare.

"Marte non si può proteggere dal vento solare, perché non ha più uno scudo, il campo magnetico globale del pianeta è morto", ha detto Bruce Jakosky della University of Colorado. Marte perse il suo campo magnetico miliardi di anni fa. Una volta che il suo campo magnetico planetario è scomparso, la sua atmosfera è stata esposta al vento solare, che avrebbe spazzato la stessa, ha detto la NASA.

Come l’atmosfera si è assottigliata, l’acqua sul pianeta è evaporata disperdendosi nello spazio. "MAVEN esaminerà tutti i modi con cui il sole interagisce con l’atmosfera marziana, e può scoprirne di nuovi", ha detto Grebowsky.

Formazioni simili a letti di fiumi su Marte indicano che Marte un tempo aveva un atmosfera più spessa. Tuttavia, l’atmosfera si è persa a causa dell’esposizione alle radiazioni solari. Tali condizioni sono la fine della strada per la nascita di forme conosciute di vita, ma è possibile che la vita marziana sia andata sotto terra, dove l’acqua liquida potrebbe essere presente e la radiazione non può giungere.

Ci sono altre teorie. Marte ha oltre 20 antichi crateri più grandi di 600 miglia, cicatrici da impatti con asteroidi giganti, delle dimensioni di piccole lune. Questo bombardamento potrebbe avere fatto saltare una grande quantità di atmosfera marziana nello spazio.

Marte è il quarto pianeta dal Sole nel sistema solare. Il pianeta prende il nome dal dio romano della guerra, Marte. E ‘spesso descritto come il "Pianeta Rosso", come l’ossido di ferro prevalente sulla sua superficie che le conferisce un aspetto rossastro.

Maven verrà lanciato tra il 18 novembre e 7 dicembre 2013. Raggiungerà Marte il 16 Settembre 2014 per una missione della durata di un anno.

Via: IB Times

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi