Ambiente: solo il 4% dei giovani pensa alla salvaguardia del pianeta

Il 45% dei giovani crede alla leggenda secondo la quale tagliando un lombrico in due si ottengono due lombrichi; il 18% pensa che l’ippocastano cresca vicino ai cavalli; un ragazzo su 10 pensa che gli orsi polari vivano in Polonia. Il 25% dei ragazzi intervistati non sa cos’è il riscaldamento globale, mentre il 10% pensa che sia causato da una maggiore vicinanza della terra al sole. Il 40% dei giovani pensa che guardare la televisione e giocare al computer siano la cosa più importante un numero dieci volte superiore rispetto a quelli che scelgono la salvaguardia dell’ambiente (4%). Un ragazzo su sette nel mondo non sa cosa significhi ‘specie in pericolo’. E anche se i ritmi di estinzione delle specie sono stimati 1.000 volte più elevati rispetto a quello naturale, solo il 9% mette al primo posto la tutela degli animali. Sono questi i dati più sorprendenti emersi da una ricerca condotta a livello internazionale su oltre 10.000 giovani tra i 5 e i 18 e presentata oggi in occasione della X Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Biodiversità delle Nazioni Unite e commissionata da Airbus, costruttore leader nella produzione di aeromobili.

“Il Bio-index di Airbus mostra che c’è ancora moltissimo da fare in termini di educazione delle generazioni future sulla necessità di tutelare e preservare il mondo che ci circonda. Albert Einstein disse ‘Osserva in profondità la natura, solo così potrai comprendere ogni cosa’. Per questo la biodiversità è così importante per gli ingegneri Airbus. Per Airbus preservare la biodiversità è un modo per preservare una fonte vitale di innovazione futura”, ha dichiarato Rainer Ohler, Senior Vice President Public Affairs e Comunicazione di Airbus, intervenendo a margine dell’evento.

“Vorrei esprimere la mia gratitudine a Airbus per il suo supporto. Questa ricerca indica la formidabile sfida davanti alla quale ci troviamo. E’ necessario ristabilire un legame tra i giovani di oggi, che saranno i cittadini di domani, e la natura. Siamo lieti di poter presentare i risultati della ricerca agli oltre 10.000 partecipanti del COP10 dove la voce dei ragazzi potrà essere ascoltata” ha aggiunto Ahmed Djoghlaf, Executive Secretary della Convezione della Biodiversità.

La ricerca è stata commissionata da Airbus, costruttore leader nella produzione di aeromobili, che dal 2008 collabora con la Convenzione sulla Biodiversità delle Nazioni Unite utilizzando la sua presenza globale per sostenere il progetto Green Wave della Convenzione sulla Biodiversità e aumentare la consapevolezza di quanto sia importante preservare l’ambiente in cui viviamo e la biodiversità del nostro pianeta.

Airbus è una società del gruppo EADS

TT&A – THEODORE TRANCU & ASSOCIATES S.r.l.

One Response to Ambiente: solo il 4% dei giovani pensa alla salvaguardia del pianeta

  1. Aldo scrive:

    “Il riscaldamento globale è la più grande e riuscita frode pseudoscientifica”
    http://movisol.org/10news215.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi