Gli M346 a Singapore?

Singapore si appresta a iniziare le trattative per acquistare gli addestratori avanzati Alenia Aermacchi M-346 Master. L’annuncio ufficiale non c’è, ma il settimanale britannico "Jane’s Defence Weekly" virgoletta la risposta di sostanziale conferma del colonnello Darius Lim, direttore affari pubblici del ministero della difesa di Singapore, che comunque non indica la data in cui le trattative potrebbero iniziare. La gara di Singapore rappresenterebbe così la seconda vittoria del progetto italiano sul coreano KAI T-50, sviluppato e venduto insieme a Lockheed-Martin, che ne è anche il principale subcontraente.

Si tratta dell’ennesima conferma ufficiosa di una voce che circola con insistenza da giorni, senza per ora sfociare in un comunicato stampa che confermi almeno la decisione, l’entità dell’acquisto e le principali date del programma. A fronte dei 18 addestratori avanzati TA-4SU oggi impiegati dalla Republic of Singapore Air Force (RSAF), la stampa ha parlato di 16-18 macchine per un valore nell’ordine dei 350-540 milioni di dollari, mentre ambienti industriali italiani ne hanno stimati 11-14. L’ordine di grandezza sarebbe dunque analogo all’esigenza complessiva individuata dall’Italia, l’altro cliente sinora contrattualizzato per il nuovo addestratore.
La stampa non fa nessun cenno alla possibilità, più volte emersa negli ultimi due anni, secondo cui Singapore potrebbe portare in Italia l’intero Fighter Wings Course attualmente svolto sulla base francese di Cazaux. L’internazionalizzazione del 61° Stormo è da tempo un obbiettivo dell’Aeronautica Militare, che ha ricevuto in passato visite di delegazioni di Singapore a Roma e Lecce. È probabile che la scelta della base venga fatta in un secondo momento, una volta conclusa la procedura di acquisto del sistema addestrativo.
L’M-346 è offerto a Singapore da un consorzio che comprende Alenia Aermacchi per gli aerei, Boeing per il sistema addestrativo ed i simulatori e ST Aerospace per la manutenzione e il supporto. Boeing e Aermacchi sono alleati anche per proporre l’aereo in Arabia Saudita .

Fonte: Dedalonews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi