Aeroporto di Ciampino – Che fine ha fatto la Conferenza dei Servizi?

Con 12 anni di ritardo sui tempi previsti dalla legge si è avviata il 12 febbraio 2010, presso la Regione Lazio, la Conferenza dei Servizi sulla zonizzazione acustica dell’aeroporto di Ciampino.

In pratica la Conferenza aveva il compito di riportare nei limiti di legge l’attività dell’aeroporto di Ciampino e, tenendo conto dei piani regolatori dei comuni confinanti, realizzare una pianificazione del traffico aereo di questo aeroporto che lo faccia rientrare nei limiti massimi di inquinamento acustico permessi dalla legge. Insomma doveva ridurre il traffico.

Dopo la prima riunione del 12 febbraio, si è attivato il Gruppo tecnico che, in tre mesi di lavoro, ha realizzato la proposta di zonizzazione sulla quale andare al voto.
Ma a questo punto, di fronte al grave onere di deliberare il ritorno al rispetto delle norme di legge, la Conferenza si è data alla fuga.
Non solo non ha concluso i suoi lavori entro la fine maggio, rispettando i tempi prescritti dalla legge, ma non si conosce alcuna data entro la quale la conferenza farà questa ultima e decisiva seduta. Dopo oltre 5 anni di proteste dei cittadini e delle amministrazioni comunali, dopo che ARPA Lazio ha certificato che questo aeroporto opera costantemente oltre i limiti di legge (esponendo 14.500 cittadini a gravi rischi per la salute), dopo che il Dipartimento epidemiologico Regionale ha certificato i danni alla salute dei cittadini, dopo oltre 500 esposti alla Magistratura da parte dei cittadini e le denunce contro il Ministro dei Trasporti e contro ENAC dei comuni di Ciampino e Marino, non si può tollerare che le Istituzioni che partecipano alla Conferenza dei Servizi non facciano immediatamente il loro dovere di tutelare i cittadini e ripristinare il pieno rispetto della legalità.

La Regione Lazio, che presiede la Conferenza, il Ministero dei Trasporti, il Ministero dell’Ambiente, la Provincia di Roma, i Comuni di Roma, Ciampino e Marino, ARPA Lazio, hanno il dovere di agire subito e, con il loro voto, far ridurre il traffico entro i limiti di legge e ripristinare il rispetto delle leggi.
Non è ammissibile che di fronte a buona parte delle Istituzioni che li rappresentano, i cittadini siano costretti a dover sperare solo nell’intervento della Magistratura.

www.comitatoaeroportociampino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi