Surriscaldamento? Arriva il grande freddo!

Riscaldamento globale? Contrordine: farà freddo freddo freddo, ecco il nuovo trend nella ricerca sui cambiamenti climatici. Uno scienziato emerito mostra uno studio di oltre 150 pagine con prove inequivocabili della sua predizione.

UN GRAN BASTIAN CONTRARIO – La maggioranza delle ricerche convergono sull’ipotesi che la Terra stia attraversando un periodo di surriscaldamento globale: il dottor Don Easterbrook, emerito professore di geologia alla Western Washington University è di tutt’altro avviso.

“I dati sui cicli naturali in mio possesso indicano che stiamo andando incontro ad un ‘raffreddamento globale’ in questi primi decenni del 21° secolo, almeno fino al 2030. Seguiranno altri 30 anni circa di surriscaldamento, e dal 2060 al 2090 di nuovo la temperatura si abbasserà drasticamente".

Non sono chiacchiere da bar: Easterbrook ha esposto la sua teoria a 700 tra ricercatori e scienziati alla 4° Conferenza Internazionale sui Cambiamenti Climatici, a Chicago.

"C’è una piccola buona notizia: per qualche decennio il surriscaldamento ci lascerà in pace. La notizia cattiva è che il ‘raffreddamento globale’ farà molti più danni per l’uomo, e sarà causa di grandi minacce. Il grande freddo uccide il doppio rispetto al grande caldo".

Le reazioni non sono certo ‘dolci di sale’: "è assurdo parlare di raffreddamento globale quando la temperatura sale ogni giorno davanti ai nostri occhi, e continua a salire," dice Dan Miller, esperto di cambiamenti climatici. "Secondo la NASA, lo scorso Aprile è stato il più caldo di tutti i tempi, e il 2010 si avvia ad essere l’anno più caldo della storia conosciuta". Anche l’agenzia Americana sugli Oceani e l’Atmosfera indica un trend al surriscaldamento.

I dati di Easterbrook si basano invece sull’analisi del ghiaccio Antartico: incurante delle critiche, il geologo aggiunge che i consumi energetici continueranno a salire, e con essi l’instabilità sociale e politica causata dall’enorme aumento della domanda di cibi, con una offerta ridotta drasticamente.

Fonte: FuturoProssimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi