Daily Archives: 25 aprile 2010

Gli alieni? Li cerchiamo male

Paul Davies - Credits: ASU / Tom Story

Il SETI cerca tracce di vita? Lo fa senza successo! Lo afferma il nuovo libro dello scienziato Paul Davies che vedi gli alieni come macchine altamente sviluppate piuttosto che come omini verdi.

Lo scienziato è un esperto di esobiologia (la scienza che si occupa di studiare la possibile natura della vita aliena) e ha pubblicato diversi lavori sulla vita oltre il sistema solare.

Il suo ultimo libro mette in dubbio le ricerche del SETI in quanto, in sessant’anni di ricerche, non ha trovato nulla di interessante. Il motivo? Abbiamo peccato di antropocentrismo, o meglio pensiamo che gli alieni assomiglino a noi, cosa davvero di difficile realizzazione!

Dimenticate gli omini verdi, gli gnomi grigi e i dischi volanti con gli oblò, i cerchi nel grano, le sfere luminose e i terrificanti rapimenti nella notte” dice Davies. Se esiste una vita fuori dalla nostra Terra, potrebbe trattarsi di organismi completamente diversi da come ce li immaginiamo. Secondo Davies “Se l’umanità non sarà ancora stata spazzata via, l’intelligenza biologica sarà vista come uno stadio intermedio nella strada verso l’intelligenza ‘reale’: quell’intelligenza potente, adattabile e immortale che è caratteristica delle macchine”.

E lo scienziato conclude: “Gli umani si sono fatti la guerra per millenni a causa di piccole differenze di razza, religione o cultura” spiega Davies “Immaginate come la maggior parte della gente reagirebbe a creature che sono davvero diverse”.

Via: Panorama

Restituito alle autorità locali l’aeroporto di Preturo – bilancio attività 2009 per il terremoto e il G8

La componente aerea che ha operato in Abruzzo all’Aeroporto dei Parchi durante l’emergenza terremoto ha terminato la propria missione. Sabato 10 aprile, lo scalo, completamente rinnovato, è stato riconsegnato ufficialmente alle autorità locali.
Fin dalle prime ore dal sisma del 6 aprile 2009, l’Aeroporto di Preturo, gestito dall’Ufficio Attività Aeronautica del Dipartimento della Protezione Civile, si è rivelato uno snodo di particolare importanza, divenendo uno dei punti nevralgici delle operazioni di soccorso. Situazione del tutto nuova nella storia del Dipartimento della Protezione Civile, che si era sempre avvalso, in situazioni di emergenza, di strutture aeroportuali già operative dalle quali poter coordinare gli interventi.

La gestione delle operazioni di soccorso si sono dimostrate da subito difficoltose per la carenza di infrastrutture nell’aeroporto, fino ad allora utilizzato per attività di aeroclub. La decisione di spostare la sede del Vertice G8 dalla Maddalena all’Aquila ha poi determinato un’ulteriore accelerazione degli interventi che in realtà erano stati già previsti prima del terremoto.

Concluso Corso Cultura Aeronautica a Ferrara

Giovedì 22 aprile, presso la sala del cinema ‘Boldini’ della città estense, si è svolta la cerimonia per la consegna degli attestati di partecipazione del corso

I 
velivoli S208M del Centro di Volo a Vela dell'A.M. con a bordo gli 
studenti partecipanti al corso

Giovedì 22 Aprile, presso la sala del cinema ‘Boldini’ di Ferrara, si è svolta la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione agli studenti degli istituti superiori che hanno frequentato il corso di ‘Cultura Aeronautica’. L’attività è stata organizzata dall’Aeronautica Militare in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione ed hanno partecipato circa 200 giovani di età compresa tra i 16 ed i 20 anni provenienti dagli Istituti superiori della città estense.

Hubble celebra 20 anni di stupore e di scoperta

Lo spazio celebra Hubble e i suoi 20 anni di attività questo fine settimana. Il 24 aprile 1990, lo Space Shuttle e il suo equipaggio rilasciarono il NASA / ESA Hubble Space Telescope in orbita terrestre. Quello che seguì è una delle saghe più notevoli dell’era spaziale.
Hubble è uno dei più potenti strumenti che la scienza abbia mai concepito, e certamente il più famoso al pubblico. Le scoperte di Hubble hanno rivoluzionato quasi tutti i settori dell’astronomia, dalla scienza planetaria alla cosmologia. E le sue immagini sono senza dubbio fuori dal mondo.

A volte Hubble ha lavorato come in una soap opera: con attrezzature rotte, uno specchio primario con gli occhi annebbiati e anche una navetta spaziale di salvataggio / cancellazione della missione in riparazione. Ma l’inventiva e la dedizione degli scienziati su Hubble hanno permesso all’osservatorio di continuare a vivere. La sua visione nitida continua a sfidare gli scienziati con entusiasmanti nuove sorprese e di incantare il pubblico con le più suggestive immagini a colori di sempre.

NASA, ESA e la Space Telescope Science Institute (STScI) celebrano il viaggio di Hubble con una nuova immagine mozzafiato. La nuovissima immagine mette in luce una piccola parte di una delle più grandi regioni nella galassia, la Carina Nebula. La scena ricorda quella del 1995, ma è ancor più evidente.

L’image coglie la parte superiore di una colonna di gas e polvere, alta tre anni-luce, che viene mangiata dalla luce brillante delle vicine stelle luminose.

Ad oggi Hubble ha esaminato più di 30 000 obiettivi celesti e accumulato oltre mezzo milione di immagini nel suo archivio. L’ultima missione di manutenzione di Hubble risale al maggio 2009.

Comunicato ESA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi