Daily Archives: 22 aprile 2010

ESRIN a porte aperte per le scuole il 27 e 28 aprile 2010

Visit 
toArtemis AntennaCome ogni primavera, L’Agenzia Spaziale Europea apre alle scuole le porte dello stabilimento in Italia, ESRIN, centro che in prossimità di Frascati, Roma, gestisce prevalentemente le applicazioni relative ai Programmi ESA di Osservazione della Terra.
Quest’anno l’evento si terrà il 27 e 28 aprile, giornate in cui i ragazzi e le ragazze delle elementari, medie e superiori avranno l’opportunità di "toccare con mano" le frontiere della ricerca spaziale europea e gli uomini e le donne che ne sono protagonisti. A partire dalle 9:30 e fino alle 18:00 sono previsti quattro turni di visite, ciascuno dei quali della durata di circa due ore. La mattina è riservata alle scuole elementari, il pomeriggio alle scuole medie e superiori. Per partecipare è necessaria la prenotazione. Le iscrizioni sono possibili fino a esaurimento posti.

Ricco il programma della visita: dopo una veloce introduzione sulle attività dell’ESRIN, saranno presentate le attività spaziali europee, utilizzando come spunto i recenti e futuri lanci dell’ESA, le tipologie di satelliti e altri veicoli spaziali che sono stati e che saranno lanciati e le orbite a cui sono destinati.

Un oggetto luminoso nello spazio stupisce gli scienziati

NASA_M82_Spitzer.jpg

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo oggetto misterioso, che si trova all’interno della galassia M82, utilizzando il NASA Spitzer Space Telescope.

Il nuovo oggetto è una micro-quasar, nna sorta di versione in miniatura dell’oggetto più luminoso nel cielo notturno, e potrebbe essere la più luminosa mai scoperta, secondo Space.com.

Un sole inquieto fotografato dalla NASA

Il 21 aprile 2010, la NASA ha rilasciato le prime immagini del Solar Dynamics Observatory. La missione migliorerà le previsioni dell’attività solare, che può compromettere tutto, dai satelliti GPS alle linee elettriche ad alta tensione.

image

Questa immagine è stata catturata dal nuovo osservatorio di Atmospheric Imaging Assembly il 30 marzo 2010. Il plasma eruttato scorre in un ciclo lungo una linea del campo magnetico.

Quando questi nastri di plasma appaiono sullo sfondo nero dello spazio, come in questa immagine, appaiono brillanti, e sono chiamati protuberanze solari. Rispetto alle dimensioni e alla massa del Sole, il rilievo sembra inconsistente. Ma un piccolo cerchio bianco in basso a sinistra mostra le reali dimensioni del nostro pianeta.

I nuovi dati dalla dinamica Solar Observatory non saprà solo aiutare gli scienziati che cercano di predire il "meteo" solare, ma dovrebbe anche aiutarli a capire meglio il “clima” solare. Una migliore comprensione delle cause della variabilità della produzione di energia del Sole aiuteranno gli scienziati a fare meglio delle previsioni su quanto dil ruolo del Sole avrà dei cambiamenti climatici futuri.

Via: NASA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi