Daily Archives: 5 gennaio 2010

La ISS in pericolo, fra qualche anno la sua fine?

Elevati costi di trasporto nello spazio e finanziamenti inadeguati sono il motivo che impedisce alla NASA di utilizzare i suoi costosi laboratorio di microgravità in orbita sulla ISS secondo lo US Government Accountability Office (GAO).

In una relazione che spiega le spese della Nasa, l’agenzia di controllo ha anche scoperto l’incertezza sul futuro a lungo termine della stazione – se sarà finanziata oltre il 2015 data di spegnimento degli Stati Uniti – , “incertezza del programma ISS che ha scoraggiato i membri della comunità scientifica di considerano la stazione come una piattaforma fondamentale per la ricerca", dice GAO.

Nell’ambito dei piani correnti solo il 79 per cento dei siti interni della stazione saranno utilizzati, e di questi solo il 50 sono attualmente richiesti per i programmi della NASA. In confronto, i partner della NASA stanno utilizzando tutto lo spazio a loro disposizione, e l’Agenzia spaziale europea potrebbe usarne ancora un po’ di più.

A una cifra stimata di 44.000 dollari per chilogrammo, i carichi portati in orbita costano davvero tanto. In seguito alle richieste di sviluppare una navetta spaziale nell’ambito del Programma Constellation, il bilancio della NASA per la ricerca ISS è sceso da 700 milioni di dollari del 2002 a circa $ 150 milioni dell’anno scorso.

Il problema è aggravato dal prossimo pensionamento della flotta di Space Shuttle, e dalla decisione della Nasa di non usare le capsule russe Progress per il trasporto di merci alla stazione dopo il 2011.

Photo credit: ESA

Via: AviationWeek

Tasse Ryanair attirano le critiche dell’autorità di regolamentazione

Il capo dell’ufficio del Regno Unito di tutela dei consumatori, l’Office of Fair Trading, ha attaccato i prezzi Ryanair e ha detto che alcune delle spese bancarie che impone la compagnia non sono legali.

La compagnia aerea ha respinto le osservazioni da parte dell’Ufficio del Fair Trading, sostenendo che non aveva spese nascoste e che le spese bancarie extra possono essere evitate se i clienti utilizzano una carta ricaricabile raccomandata da Ryanair.

Fingleton anche sollevato domande sulle compagnie aeree che aggiungono automaticamente l’assicurazione di viaggio di un itinerario, costringendo i passeggeri a rimuovere la stessa.

Via: AviationWeek

Una cometa inghiottita dal Sole il primo evento celeste del 2010

image ROMA – Uno scontro catastrofico fra una cometa e il Sole: ecco la prima scoperta astronomica del 2010, documentata da una spettacolare sequenza di immagini del satellite SOHO (Solar Heliospheric Observatory), frutto maturo ma ancora validissimo della collaborazione fra gli enti spaziali europeo (ESA) e americano (NASA).

SCOPERTA DA UN ASTROFILO – A scoprire la cometa, non attraverso il tradizionale telescopio, ma analizzando le immagini di SOHO disponibili online, è stato Alan Watson, un astrofilo australiano da anni impegnato in questo particolare tipo di caccia fra i pixel. L’astronomo non professionista stava passando le prime ore del nuovo anno a decifrare il movimento delle migliaia di puntini luminosi che compaiono nelle sequenze di immagini riprese in continuazione da SOHO, quando ne ha rintracciato uno, seguito da una scia, che si avvicinava pericolosamente al Sole: «È una sungrazing comet», ha pensato immediatamente, cioè una cometa che passa radente al Sole. E, infatti, a un certo punto, l’oggetto è scomparso come se fosse stato inghiottito dalla nostra stella. Anche noi possiamo ammirare la scena attraverso una composizione animata delle immagini di SOHO (guarda). Si vede la cometa seguita dalla lunghissima coda arrivare da sinistra e puntare al centro, verso il Sole artificialmente occultato da un disco opaco che serve a contenere la sua luce abbagliante.

SCOMPARSA – Qualche volta succede che dopo il passaggio al punto di minima distanza dal Sole (perielio in gergo astronomico) l’intera cometa, o almeno qualche frammento di essa evidenziato da una coda gassosa, ricompaia e riprenda la corsa lungo la sua orbita. Ma, finora, della cometa «sungrazing» non c’è traccia: se qualche pezzo è scampato alla disintegrazione nell’inferno solare, forse è troppo piccolo per essere visto.

LE «SUNGRAZING» – Fra tutti i corpi minori che popolano il sistema solare, le comete sono astri molto particolari. Sono costituite da un nucleo solido di qualche km di diametro, formato da materiale roccioso e da ghiacci che evaporano in prossimità del Sole, sviluppando spettacolari chiome e code gassose. Quando queste parti effimere della struttura cometaria sono particolarmente sviluppate, allora possiamo vederle dalla Terra a occhio nudo, senza l’aiuto del telescopio. Solitamente le comete percorrono orbite molto ellittiche, attraversando gran parte del sistema solare e ritornando periodicamente a circumnavigare il Sole a una distanza di sicurezza. Ma, come ha documentato l’ormai quindicenne satellite SOHO, sono frequenti anche i casi di comete «sungrazing», che sfiorano la nostra stella fino alla parziale o totale disintegrazione. Alla fine dell’Ottocento, l’astronomo tedesco Heinrich Kreutz, confrontando le orbite delle poche comete «sungrazing» allora conosciute, si accorse che avevano caratteristiche simili e pensò che fossero il risultato della frammentazione in più parti di una singola cometa progenitrice. Studi successivi confermarono questa ipotesi e portarono all’identificazione di altre comete sungrazing collettivamente battezzate col nome dell’astronomo tedesco: il cosiddetto «gruppo di Kreutz». Secondo alcuni studiosi, l’antica cometa capostipite del gruppo sarebbe passata radente al Sole addirittura il 371 avanti Cristo e corrisponderebbe all’astro osservato dallo storico greco Eforo, il quale riferì di avere assistito alla sua scissione in due parti. Col trascorrere dei secoli i frammenti, nel corso di successivi passaggi solari radenti, si sarebbero ulteriormente suddivisi, dando vita al numeroso gruppo di Kreutz. La cometa scoperta all’inizio di quest’anno apparterrebbe proprio a questa straordinaria filiazione celeste.

Franco Foresta Martin

Fonte: Corriere.it

Turkish Airlines ordina 20 aeromobili della famiglia A320

Turkish Airlines ordina 20 Airbus aeromobili a corridoio singolo, che comprende 14 A321 e sei A319. Le consegne inizieranno tra il 2011-12. Turkish Airlines ha anche opzionato 10 aerei, anche se non ha specificato il modello. Consegne delle opzioni avranno luogo a partire dal 2013.

Turkish Airlines gestisce quattro A319, 22 A320 e 21 A321.

Via: FlightGlobal

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi