La gigantesca bufala della statua lunare

image Da qualche settimana sta circolando in rete la notizia di una ipotetica statua metallica rinvenuta sulla Luna durante la missione Apollo 11 (missione storica in cui l’uomo mise per la prima volta il piede sul nostro satellite).

La notizia, che può essere letta in lingua originale qui è stata anche tradotta in italiano sul sito del CUT (centro ufologico Taranto).

A nostro avviso la notizia è un falso clamoroso privo di qualsiasi fondamento scientifico. Analizziamo ora l’articolo cercando di capire dove l’autore lascia grossi dubbi e poche certezze.

In primo luogo l’articolo recita “la notizia proviene da uno scienziato che ha fatto parte della NASA in passato. Il nome dello scienziato è il dottor Morris Charles (geologo) che avrebbe dichiarato che la superficie lunare è stata popolata in passato da una civiltà extraterrestre intelligente”.

Siamo andati a controllare sul sito della NASA e, al nome Morris Charles, effettivamente esiste un dipendente, ma esso non svolge il ruolo di geologo ma bensì di controller (e già qui qualcosa puzza…).

Ed ancora: “Il dottor Morris ha dichiarato che la figura dell’angelo sarebbe stata trovata all’interno di una roccia portata sulla Terra dalla missione Apollo 11 del 1969”. La domanda sorge spontanea: sulla Terra per trovare un reperto antico è necessario trovare il sito, scavare, pulire la roccia circostante… ed anche andando ad esempio a Pompei (luogo “cult” per qualunque archeologo) trovare al volo una roccia con incastonato un reperto è praticamente impossibile! Ed allora, come hanno fatto gli astronauti, durante la PRIMA missione lunare, ad aver trovato così semplicemente il reperto?

Si legge ancora: “almeno una volta sulla Luna ci sono stati condizioni favorevoli alla vita. E per di più, esisteva una razza sofisticata di persone con il senso della bellezza“. Sulla Luna, come ben sappiamo, non esiste atmosfera (la gravità è troppo bassa), né ora né in passato. Quindi la presenza di “condizioni favorevoli alla vita” è da escludere: perché questi esseri intelligenti hanno conquistato la Luna invece di andare su un pianeta vergine in cui lo strapotere dell’uomo non aveva ancora condizionato ogni cosa?

E’ evidente che questi esseri hanno avuto un senso del cristianesimo parallelo al nostro. Forse hanno avuto un loro Gesù e che gli importanti principi spirituali sono, letteralmente, universali“. A nostro avviso questa è un’altra bufala incredibile (forse l’articolo è stato scritto da qualche sacerdote della Chiesa Cristiana in crisi secolare…). Come fa un principio religioso ad essere universale quando già sulla nostra Terra ogni religione interpreta la realtà in maniera diversa (non si spiegherebbero in alternativa i motivi delle secolari guerre di religione).

Infine ultima nota: la statua ha un aspetto tipicamente umanoide con le ali… non possiamo affermare se gli extraterrestri abbiamo o meno sembianze umanoidi, ma come si fa ad accettare che abbiamo ali per volare quando la scienza dice che la struttura ossea di un umano è fatta apposta per non volare?

E voi? Cosa ne pensate?

2 Responses to La gigantesca bufala della statua lunare

  1. MOS250 scrive:

    TU HAI DETTO CHE QUESTO Morris Charles E UN DIPENDENTE DELLA NASA MICA TI VANNO A DIRE CHE E UN GEOLOGO , PER ME NON E UNA BUFFALA E ANCHE FOSSE QUALE IL TUO TIMORE CHE NELL’UNIVERSO CI SONO ESSERI PIU’ INTELIGENTI DI NOI E MIGLIORI.

  2. Ottaviano Lombardi scrive:

    Niente paura.
    E’ solo la conferma della vecchia teoria circa le maternità e le ingravidanze delle mamme dei Cretini…..
    Notizia da archiviare alla voce: Scie Chimiche e rettiliani!
    Ciao
    Ottaviano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi